close



Inserisci il tuo indirizzo di posta elettronica e clicca su ISCRIVITI ORA

Aperti 8 Dicembre
VTL Siegfried II
Torna alla pagina precedente indietro




Ingrandisci immagine VTL Siegfried II Ingrandisci immagine VTL Siegfried II Ingrandisci immagine VTL Siegfried II
Ingrandisci immagine Ingrandisci immagine Ingrandisci immagine
VTL Siegfried II


Amplificatori finali mono

Prezzo listino   € 97.780

Disponibile presso produttore estero



Visualizza immagine VTL Siegfried II Visualizza immagine VTL Siegfried II Visualizza immagine VTL Siegfried II




VTL Siegfried II

CARATTERISTICHE TECNICHE

Finale mono a valvole 600W/CH con ingressi RCA/XLR, prezzo la coppia.

 

Siegfried Reference II

Quando, nel 1996, VTL introdusse il suo impressionante amplificatore finale Wotan, capace di 1250 watts, Luke Manley, il suo Presidente, lo definì “il vertice assoluto di tutto ciò che conosciamo in VTL a proposito della realizzazione di un finale”. Ma proprio nel momento in cui egli pronunziò queste parole, importanti novità erano in fermento nell’industria dell’hi-fi ed anche in VTL. La crescita dell’home theater implicava che gli amplificatori fossero chiamati a svolgere nuove funzionalità e prestazioni. Nel frattempo, VTL stava affrontando la questione relativa a come apparecchi valvolari avrebbero potuto inserirsi adeguatamente in moderni sistemi per l’home entertainment. Affidabilità e costanza di prestazioni, in componenti a valvole, erano esigenze da risolvere prioritariamente. Con la mente occupata da questi interrogativi, Luke elaborò un gran numero di idee per la progettazione di un nuovo finale serie Reference, sicuramente a valvole, ma implementato con innovazioni tecnologiche idonee alla conquista di nuovi territori nel campo dell’eccellenza sonora. Dopo cinque anni di intenso lavoro di ricerca e sviluppo, progettazione, prove, ascolti e messa a punto, l’ultimo amplificatore VTL della famiglia Reference è venuto pronto: il finale monofonico Siegfried Reference (800 Watts di potenza).

Iniziando a sviluppare le proprie ambizioni per un finale “Reference” di nuova generazione, Luke Manley delineò i seguenti obbiettivi: avrebbe dovuto fissare un superiore standard sonoro, degno dell’appartenenza al gruppo “Reference”; avrebbe dovuto esprimere qualità di suono senza precedenti, ma anche eccellenti risultati nelle misurazioni al banco; si sarebbe dimostrato capace di pilotare una vasta gamma di diffusori, estraendo da ciascuno di essi i massimi risultati, in ogni condizione; avrebbe dovuto essere dotato di accorgimenti per l’auto-regolazione e per la diagnostica, a garanzia della continuità e della stabilità delle prestazioni ottimali; la gestione avrebbe dovuto essere intuitiva e “confidenziale” per l’utente, offrendo la massima flessibilità nei controlli, al fine del più soddisfacente inserimento anche in un moderno sistema home theater.

Sin dalla sua uscita apparve subito chiaro che il Siegfried non sarebbe stato un prodotto “comune”. Il processo di ricerca e sviluppo si era articolato in una intensa e proficua collaborazione interdisciplinare, con coinvolgimento di più gruppi di ingegneri, sparsi sul territorio americano. Luke Manley riferisce, con giustificato orgoglio, che esperti di circuitazioni valvolari e di alimentazione, ingegneri informatici, esperti di circuiti di controllo e specialisti della progettazione industriale hanno dato il loro prezioso contributo nella concezione e nell’impostazione del Siegfried.

L’intento di fare del Siegfried il finale “perfetto” ha rappresentato una componente fondamentale del processo della sua progettazione. VTL si è impegnata, così, nel superamento all’origine dei frequenti empirici tentativi di “messa a punto” e di sperimentazione che usualmente si accompagnano, negli appassionati, al possesso di amplificazioni valvolari.

L’autoregolazione fu considerata la chiave per mantenere il Siegfried funzionante al massimo delle sue prestazioni. Da questo punto di vista, gli ingegneri VTL sono riusciti ad inserire al suo interno un circuito deputato al controllo automatico del bias delle valvole, idoneo ad assicurarne costantemente il miglior funzionamento. Un’ampia gamma di funzioni di diagnosi è stata resa accessibile all’utente, che gode dell’immediata comprensione di quali valvole siano eventualmente da sostituire, del tempo di rispettivo funzionamento, della loro vita, del voltaggio dell’alimentazione di rete, in tempo reale, e di molto altro ancora.

Sotto il profilo della qualità sonora, il Siegfried Reference ha rappresentato un’importante balzo in avanti, grazie, tra l’altro, all’impiego di nuovi dispositivi di alimentazione stabilizzati e di elevata precisione. I benefici riscontrati all’ascolto spaziano dall’incremento dei picchi dinamici al maggiore controllo ed alla maggiore pienezza armonica del basso. Le prove in sala hanno messo in evidenza una sorprendente vitalità, agilità ed articolazione. Lo stadio di ingresso bilanciato contribuisce a tali risultati, tenendo basso, sino all’”evanescenza”, il livello dell’”inquinante” rumore di fondo.

Anche il progetto dell’alloggiamento fisico della componentistica ha implicato nel Siegfried una speciale attenzione. Il telaio, di consistente spessore e di estrema rigidezza (configurato “a torre”), è rivestito in materiale amagnetico e poggia su grossi piedi isolanti per l’abbattimento delle interferenze meccaniche. L’estetica lineare e moderna lo accomuna armoniosamente all’aspetto del pre TL-7.5 Reference. In una fascia centrale, in rilievo, sono inseriti il display digitale ed i pulsanti di comando. Col suo raffinato gioco di alluminio spazzolato, scavato a coste e lucidato, il Siegfried esibisce la propria autorevole presenza anche dal lato visivo, a conferma della propria natura di prodotto destinato ai più attenti ed esigenti audiofili. “Non avrei potuto essere più soddisfatto di quanto lo sia stato per il modo in cui il nostro nuovo finale di riferimento è stato realizzato”, sostiene con assoluta convinzione il presidente di VTL, Luke Manley. “Il Siegfried ha oltrepassato le aspettative di tutti noi, quanto a qualità sonora ed, al contempo, per facilità d’uso. Si tratta di un finale che potete accendere e dimenticare, lasciandovi semplicemente andare sul vostro divano, ben rilassati, per godere dell’ascolto della musica”.

 

Specifiche

Valvole impiegate:
1 x 12AT7, 2x 6350, 12 x 6550C

Potenza: 
20 Hz – 25 kHz ± 0.1dB < 3% THD 
(Stable to 2W)


Risposta in frequenza (< 0.2% THD @ 1W):
1 - 75 kHz -3dB

Classe di funzionamento
AB1

Ingressi:
Single-ended RCA e bilanciati XLR

Uscite:
1 paio 5 vie terminali diffusori

Sensibilità ingresso:
1V

Impedenza uscita:
50K ohms

Consumo:
a riposo = 480W

Piena potenza = 1300W

Dimensioni:
29 x 63 x 65 cm L x P x A