close



Inserisci il tuo indirizzo di posta elettronica e clicca su ISCRIVITI ORA

Aperti 8 Dicembre
Wilson Audio Sasha W/P
Torna alla pagina precedente indietro




EX DEMO
Ingrandisci immagine Wilson Audio Sasha W/P Ingrandisci immagine Wilson Audio Sasha W/P
Disponibile immediatamente
Ingrandisci immagine Ingrandisci immagine
Wilson Audio Sasha W/P


Diffusori da pavimento

Telefonare per prezzo

Disponibile in negozio



Visualizza immagine Wilson Audio Sasha W/P Visualizza immagine Wilson Audio Sasha W/P




Wilson Audio Sasha W/P

CARATTERISTICHE TECNICHE

OFFERTA SPECIALE, diffusore ex-demo.

 

Coppia diffusori dinamici 3 vie satelliti e subwoofer, colore nero, non si accettano permute.

 

Nel progetto del Sasha, speciale cura è stata riservata al modulo superiore. Se è vero che esso presenta visibili richiami all’originario ed oramai classico tronco di piramide, tipico del predecessore WATT, nella sostanza il Sasha è totalmente nuovo. La distanza dall’originario sistema W/P è meravigliosamente significativa, anche se il Sasha può essere facilmente riconosciuto come il diretto discendente del “WATT/Puppy”.
Dal punto di vista progettuale, il primo obbiettivo è stata una ancora più completa riduzione delle risonanze, già minime, della struttura del modulo superiore. A tal fine, tra l’altro, i pannelli di “X-material” del Sasha sono fino a tre volte più spessi. Anche una nuova soluzione adottata per i rinforzi interni contribuisce ai risultati sonori ineccepibili del modulo superiore, minimizzando le colorazioni inevitabilmente derivanti dalle risonanze.
Il fiore all’occhiello del cabinet del Sasha è rappresentato dal particolare materiale utilizzato per il pannello anteriore, concepito congiuntamente alla progettazione del “Sasha W/P” ed in combinazione con l’X-material”, così da ottenere un “baffle” per il midrange che minimizza ogni sorta di rumore misurabile e di colorazioni udibili.
Si tratta del miglioramento più considerevole, visto che l’”M-4” –materiale proprietario di Wilson Audio- aveva fissato il precedente riferimento assoluto per la qualità sonora del “medio”.
Il crossover, che precedentemente era alloggiato all’interno del WATT, è stato spostato nel mobile dei bassi, una soluzione simile a quella adottata per il “MAXX Series 3”. Gli ingegneri di Wilson Audio hanno potuto così focalizzare ed ottimizzare lo studio sugli spazi retrostanti al trasduttoree, là dove il filtro si trovava collocato nel WATT, lavorando sull’onda posteriore emessa dell’altoparlante.
Il modulo del basso, ha nel Sasha un volume più largo e più profondo e l’estensione della gamma verso l’estremo è stata significativamente ampliata fino a -3dB a 20Hz (Risposta in Stanza Media – RAR).



Il nuovo Midrange

Il Sasha W/P monta una versione, leggermente semplificata, dell’eccellente nuovo midrange, in composito di fibra di cellulosa/carta, sviluppato per l’Alexandria X2 – Series 2.
Nel corso dell’evoluzione dell’Alexandria, Dave Wilson in persona si è immerso particolarmente nello studio nell’esperienza dell’ascolto della musica dal vivo. Egli non si è concentrato soltanto sul suono, in quanto tale, della musica “live”, ma anche sull’esperienza emozionale sperimentata in tale situazione. E stato attraverso una comparazione disciplinata e rigorosa tra l’esperienza della musica suonata dal vivo ed il risultato della riproduzione attraverso i diffusori, che Wilson ha tratto ispirazione per molti dei progressi tecnologici apportati ai propri prodotti.
Il midrange dell’Alexandria è un caso esemplare. Nella primavera del 2006, Dave Wilson ha avuto la fortuna di assistere ad una prova della Sinfonia n. 2 di Mahler nella Musikverein Concert Hall di Vienna. Nel secondo movimento, il pizzicato degli archi domina un passaggio importante. Dave è stato improvvisamente colpito da ciò che stava udendo. Il suono non aveva un volume elevato, ma guizzava dalle corde con una prontezza ed un’immediatezza che egli non aveva mai percepito nella musica “riprodotta”, neppure attraverso i propri diffusori. Le sfumeture dinamiche dell’attacco e del decadimento erano compiutamente intellegibili. Egli poteva udire con pienezza il risuonare del legno dei violoncelli e dei contrabbassi.
In quel momento egli realizzò quanto di meraviglioso può offrire il fenomeno musicale e quanto tutti i diffusori ascoltati da Dave Wilson, compresi i propri, sembravano “poveri”. Questa sensazione “trascendentale” è divenuta la sorgente dell’ispirazione per lo sviluppo del midrange del nuovo “Alexandria Series 2”, quello stesso midrange che è attualmente impiegato, in versione meno esasperata, nel Sasha W/P.



Il Tweeter

Il Sasha monta lo stesso tweeter del “MAXX Series 3”.
Come spesso capita, ogni nuovo progetto funge da piattaforma sulla quale si basano e vengono realizzati progetti successivi.
Così, l’evoluzione del tweeter, che è cominciata con il “WATT/Puppy 8”, è proseguita con le “Sophia Serie 2”, è stata ulteriormente affinata con le “Alexandria Series 2” e, da ultimo, con le “MAXX Series 3”, ha raggiunto il proprio compimento finale proprio con il “Sasha W/P”. Il team di Wilson Audio si è concentrato su rivoluzionarie tecnologie e strategie relative alle distorsioni generate dalle onde provenienti dalla parte posteriore del diaframma del tweeter, parzialmente “trasparente” dal punto di vista acustico. Tutte le riflessioni fuori fase, od in ritardo temporale, che si propagano dal diaframma sono percepite e misurate come rumore e distorsione. La configurazione del tweeter ideato da Wilson riduce notevolmente questa distorsione. Il tweeter dei “Sasha”, che discende direttamente –come detto- da quello del “MAXX Series 3”, si avvantaggia di gran parte dei materiali proprietari e delle modalità costruttive del tweeter dell‘Alexandria, con drastica riduzione del disturbo, avvertito all’ascolto come artificiosità e “granosità” nella gamma delle frequenze udibili.



Il Woofer

Il woofer che ha debuttato nella versione “7” del Puppy, è stato elaborato con particolare attenzione all’”unità motrice” dell’altoparlante: ebbene, la struttura del magnete del woofer presente nel Sasha ha misure doppie rispetto al predecessore. L’aspirazione era quella di mantenere l’impatto e la fedeltà dinamica del prodotto originario, con incremento –però- della velocità generale, dell’agilità e della linearità alle basse frequenze. Il nuovo woofer soddisfa queste aspettative, coniugando anche maggior accuratezza e raffinatezza tonale.



Crossover

Il filtro midrange/tweeter, già installato sul WATT, è stato riposizionato in uno spazio chiuso, rinforzato ed isolato, nel posteriore del mobile dei woofers. Nella sua struttura e nella componentistica tutti i filtri sono stati specificamente modificati e sviluppati, per assecondare le qualità superiori del nuovo midrange e per esaltare l’altissima risoluzione di cui esso è capace.
Anche per le basse frequenze il lavoro è stato intenso e proficuo. Il traguardo di una maggiore linearità, velocità, impatto e raffinatezza è stato attinto anche grazie ai nuovi crossover, che hanno contribuito altresì ad una sensazione di ampliamento della spazialità ed all’incremento della risoluzione dei particolari in secondo piano, prima d’ora impercettibili ed adesso disvelati con sorprendente chiarezza, contro uno sfondo quanto mai nero e silenzioso.

 

Specifiche Tecniche

Woofers: 
Due – 20.32 cm

Midrange: 
Uno – 17.78 cm

Tweeter: 
Uno – a cupola invertita 2.54 cm

Sensibilità: 
91 dB @ 1 watt @ un metro @ 1kHz

Impedenza Nominale: 
4 ohms, 1.8 ohms minimo @ 92 Hz

Risposta in Frequenza:
+/- 3 dB 20 Hz - 22 kHz

Amplificazione Minima: 
20 watts per canale

Dimensioni: 
Altezza – 111.76 cm
Larghezza – 35.56 cm
Profondità – 53.91 cm

Peso del sistema:
89.36 kg

Peso Totale Lordo:
274.42 kg 

 

Leggi il reportage della dimostrazione Dan D'agostino Momentum e Wilson Audio.